SOS online (da quotidiemagazine.it)

Hai un problema tecnico di produzione nel settore dell'arte bianca (pane, pizza, grandi lievitati, prodotti da forno in generale)? Il tuo prodotto ha un difetto? Hai bisogno di consigli? Esponi il tuo problema e Simona Lauri ti risponderà nel più breve tempo possibile.

grano duro senatore cappelli

Gentile Dottoressa il grano duro senatore Cappelli si può definire frumento antico o comunque non modificato geneticamente?

Vedi la risposta

Puntata ed appretto

Per farmi capire faccio due esempi: 1° Esempio Come faccio io il pane. Preparo una biga con 300g di farina tipo 1, 100g di lievito liquido (1:1 farina acqua rinfrescato 6-8 ore prima) e 100 grammi di acqua. Impasto con una spirale per 3-4 minuti a velocita 1 e lascio riposare 10-12 ore a circa 18 °C. Nel seconda fase impasto la biga con 400 g di farina tipo 1 e circa 400 acqua 10 g sale ed un cucchiaino di malto. L'impasto fa una puntata di circa 90 minuti. Poi faccio delle pieghe, staglio e metto nei cestini per fare un appretto di 4 ore circa e poi passo alla cottura. (Logicamente questa ricetta è presa, a grandi linee, da un libro sulla panificazione). 2° Esempio Andiamo alla seconda ricetta letta su un libro di un noto chef abruzzese. Lui nel suo ristorante produce un pane con lievito madre ad alta idratazione, circa 80%, impastando la sera e lasciando puntare tutta la notte per 9-10 ore e dopo lo staglio fa un appretto di 2-3 ore e poi passa in cottura. Quindi mi chiedo come nascono questi tempi di lievitazione? Solo prova e riprova? Nella maggior parte delle ricette che leggo, le puntate sono corte rispetto alla seconda lievitazione e mi sembra in particolare per quelle dove c'è lievito madre. Giusto? Cambiando i tempi di lievitazione si ottiene un prodotto diverso? Quali sono le finalità principali di queste due lievitazioni? Spero di essere stato chiaro.Grazie

Vedi la risposta

Lievito e vita

Salve dottoressa,tra i pizzaioli si fa spesso a gara a chi mette meno lievito nell'impasto,tipo lo 0,1 / 0,05 . Ho letto però che se il lievito è utilizzato in dosi notevolmente inferiori a quelle consigliate si può arrivare al “marciume” dell’impasto per un “eccesso di debolezza” con conseguente cattivo odore ecc. Potrebbe gentilmente spiegarmi con parole semplici, come mai è così importante la presenza di lb affinché l'impasto diciamo così resti "in vita " e non marcisca, qual'è la sua funzione in questo caso, qual'è il range in cui si deve rientrare, e se valgono le stesse regole tra pizzeria e panificazione. La ringrazio anticipatamente per il suo enorme e gentile contributo.

Vedi la risposta

Come correggere una pasta madre troppo "acetica"

Buongiorno dottoressa e Complimenti! Ho da 2 anni ormai una pasta madre da me innescata e mi sembra che sia troppo sbilanciata nella parte acetica, le chiedo: come faccio a valutare in modo empirico se questo è vero? Ed eventualmente come posso correggere questo squilibrio? Grazie!

Vedi la risposta

Durezza e pH dell'acqua da utilizzare per gli impasti

Buongiorno dottoressa Lauri, la mia domanda è inerente all'acqua, nello specifico vorrei chiederle in che misura, chimicamente parlando, la durezza e il pH dell'acqua incidono sulla corretta gestione di un impasto e come cambia il risultato della massa qualora l'acqua utilizzata per impastare venga preventivamente sottoposta a bollitura e raffreddamento. Grazie infinite.

Vedi la risposta

Parametri biga

Buonasera Dottoressa, Sono un pizzaiolo a cui piace lavorare con la biga e siccome ad oggi l'unico parametro che ho per misurare la maturazione è il pH volevo sapere se ci sono altri sistemi sempre di misurazione o parametri diversi da considerare? Ultima cosa considerando un pH tra 5 e 5,2 di una biga fatta con Lievito di birra, tale valore esprime sempre una maturazione ottimale? Le chiedo questo perché mi è capitato di raggiungere questo pH in bighe di 10 ore. Grazie mille per la disponibilità. Cordiali saluti.

Vedi la risposta

Biga con Lievito Madre

Buongiorno Dottoressa, Ho letto in un precedente intervento che consiglia nella biga di LM di aggiungere lo 0,8% di lievito di birra.Vorrei sapere questo a che scopo e che prodotto andremo ad ottenere. In particolare il rapporto lieviti/batteri quanto sarà a quel punto? E il prodotto finito in cosa differirà da un prodotto realizzato completamente con LM? Grazie per la sua disponibilità.

Vedi la risposta

Ammissibilità carbone vegetale(E153)

Alla luce di quanto scritto nella nota del Ministero della Salute del 28/12/2015 :OGGETTO: Prodotti della panetteria con aggiunta di carbone vegetale Con riferimento alla questione di cui all’oggetto, tenuto conto delle numerose richieste di chiarimento, pervenute dalle varie associazioni di categoria, circa la crescente diffusione sul mercato di prodotti della panificazione connotati dalla presenza di carbone vegetale (c.d. “pane nero”), accompagnata da differenti modalità di presentazione del prodotto, per parte di competenza si rappresenta quanto segue. Alla luce delle vigenti disposizioni normative in materia si ritiene che: 1. è ammissibile la produzione di un “prodotto della panetteria fine” denominato come tale, che aggiunga agli ingredienti base (acqua, lievito e farina), tra gli altri, anche il carbone vegetale come additivo colorante e nelle quantità ammesse dalla regolamentazione europea in materia (Reg. CE 1333/08 All. II Parte E); 2. non è ammissibile denominare come “pane” il prodotto di cui al punto 1, " Qual è la panetteria fine? Grazie, saluti.

Vedi la risposta

Prima tuorli e poi burro o prima burro e poi tuorli?

Buongiorno Dott.ssa Lauri, nel leggere il procedimento di relizzazione del panettone di diversi grandi pasticceri, ho notato che spesso l'ordine di inserimento degli ingredienti differisce. Sarebbe così gentile da spiegarmi che ruolo hanno ingredienti fondamentali quali tuorlo e burro, e cosa cambia se viene inserito prima l'uno o l'altro, o contemporaneamente in emulsione? Grazie Un saluto cordiale

Vedi la risposta

Rapporto di conversione lievito di birra e madre

Salve Dottoressa, volevo sapere come si calcola in un impasto diretto con circa 20gr di lievito di birra,volendolo invertire a impasto lievitazione mista con un 25% di lievito madre, come calcolo quanto lievito di birra devo sotrarre? Per quanto riguarda l'acqua devo calcolare l 'acqua contenuta nel lievito e nella farina? Grazie sempre più interessante il vostro sito. Volevo alcune delucidazione su qualche libro dove parla molto bene di lievito madre. Un saluto

Vedi la risposta

Grissini al carbone

Buongiorno Dott.ssa ho letto recentemente che un Avvocato dichiara che nei grissini si può usare l'additivo colorante E153. Ho anche letto che lei fa perizie tecniche per i tribunali per cui le chiedo, da tecnica, è vero? Grazie per la risposta

Vedi la risposta

Metodi e procedimenti per la fermalievitazione

Gentilissima Dott.ssa Simona Lauri, vi chiedo alcuni dettagli in merito alla metodologia della fermalievitazione in panificazione. Partiamo dall'argomento più pungente a suo avviso per una corretto svolgimento dei lavori (produzione giornaliera fascia oraria 6-13) di tutti i prodotti da forno pane,panini,ciabatte,rosette,pizze, focacce,ecc,ecc il secondo una sua considerazione prettamente professionale consiglia il metodo diretto o indiretto che percentuali di lievito fresco devo usare? La seconda domanda sempre inerente il tema produzione di pane io utilizzo la Biga con maturazione 24 ore - dopo relativo impasto,puntata,e formatura il prodotto quanto tempo deve rimanere fuori per avere una buona e corretta lievitazione (utilizzo biga 30% sul peso della farina). Grazie.

Vedi la risposta

Panettone nero al carbone vegetale

Buongiorno Dott.ssa ho letto le sue risposte per quanto riguarda l'utilizzo del carbone vegetale nel pane e pizza. Finalmente qualcuno che ha detto che è VIETATO! Complimenti! Ho una domanda: Nel panettone lo posso usare? Vedo che stanno pubblicando ovunque foto di panettoni fatti con il carbone. Grazie a lei per il servizio.

Vedi la risposta

Malto nei grandi lievitati

Buongiorno! Ho un quesito da porre e grazie se dissipera' il mio dubbio. Riguardo ai grandi lievitati natalizi qual'è l'utilità del malto? Perché viene aggiunto all'impasto? Gli zuccheri presenti in ricetta nel lievitato non riescono a svolgere la stessa funzione di idratazione delle diastasi liberando il glucosio utile ad alimentare i lieviti migliorandone il potere fermentativo? Grazie!

Vedi la risposta

Ceppi lievito madre in polvere provenienti dal mondo.

Salve, Dott.ssa Lauri volevo chiederle cosa ne pensa di questi tipi di paste madre essiccate e da riattivare? Si possono scegliere anche i ceppi di lieviti e batteri con cui sono state selezionate, provenienti da varie parti del mondo, per esempio ceppi di lieviti e batteri d'Ischia, dello Yukon in Canada etc...La mia domanda era relativa alla bontà o meno di queste paste acide, se effettivamente sono riattivabili e poi possono essere rinfrescate ogni tot. giorni come normalemte si fa per il lievito madre e se effettivamente questi ceppi provenienti da varie parti del mondo saranno gli stessi che il lievito conterrà anche se rinfrescherò a casa mia, che sarà cotaminata da altri tipi di lieviti e batteri.

Vedi la risposta

Teoria maturazione

Salve, volevo cortesemente un aiuto. Si dice che usare lievito madre doni più umidità alla pizza o al pane. E' vero? Mi sa spiegare perchè? Perchè una pizza maturata 24/48 ore in forno rimane più bianca di una non maturata? Grazie per la risposta

Vedi la risposta

Tempi di maturazione impasti... quale la differenza tra pizzeria e panificazione?

Buongiorno, vorrei porle il quesito che ho enunciato nel titolo. Ormai in pizzeria si parla molto di alte idratazioni e lunghe maturazioni, ma a leggere le ricette di panificazione, sopratutto per ciò che riguarda la maturazione degli impasti, i tempi prescritti sembrano molto più brevi. Se si, a cosa è dovuta questa differenza? Non avremmo anche in questo caso una migliore digeribilità del pane prodotto? Quali i vantaggi e gli svantaggi delle due lavorazioni?

Vedi la risposta

pasticcere

Salve riguardo alla domanda precedente mi riferisco a impasti tipo briosc, dove a volte trovandosi con una temperatura a fine impastamento più alta del solito vorrei sapere come devo gestirmi. Faccio comunque un metodo differito con una puntata della massa per circa 20 minuti ,a temperatura ambiente coperto con celofan , dopodichè formatura dei pastoni quindi inizio di lievitazione e subito in frigo per 8 12 ore per poi sfogliarli al mattino successivo. Come mi comporto nel caso mi trovo con una temperatura più alta a fine impasto? Faccio subito i pastoni e via in frigo?

Vedi la risposta

Biga di lievito madre

Buonasera Dott.ssa, a volte mi diletto a panificare a livello amatoriale, con la possibilità di usare una planetaria. Vorrei porle questa domanda: si può fare una biga di 18 ore con il lievito madre in percentuale del 10% . Purtroppo alla sera ci sono più di 18°C, si potrebbe aggiungere all'impasto 0,5% di sale? Grazie

Vedi la risposta

Miglioratori/protettori del freddo nelle paste lievitate

Buongiorno Dott.ssa Lauri. Un caro amico in pasticceria produce brioches sfogliate a lievitazione mista. Impasta, fa riposare una notte l’impasto a 4°C in cella e il giorno dopo sfoglia e abbatte in negativo. Dopo averle abbattute a -18 le conserva all’interno di sacchetti trasparenti e le ripone all’interno di scatole di polistirolo chiuse. Però, a volte, dopo circa 15 gg ha dei problemi con la lievitazione sembra dovuta al freddo.Lui vorrebbe avere un prodotto più costante senza andare ad aggiungere cose poco naturali, anche perché è un ottimo prodotto. Alcuni esperti consigliano di aggiungere all’impasto prodotti tipo : germe di grano tostato,lecitina in polvere, proteine del latte,zucchero invertito.Lei cosa consiglia? Ho sentito parlare dei Liposomi, credo siano emulsionanti. Mi spiega bene cosa sono e se sono validi? Grazie

Vedi la risposta

Lievitazione a caldo senza lievito

Buongiorno mi piacerebbe sapere cosa ne pensa del metodo "lievitazione a caldo". Opero in questo modo: scaldo l'acqua e aggiungo farina tipo 1, una volta che arriva a bollore. Successivamente la impasto con altra farina e acqua sempre calda, e un procedimento un po lungo ma funziona non c'è nessun lievito chimico o naturale.

Vedi la risposta

Lievito madre nero

Cara dott.sa Simona Lauri, sono sconcertato, in questi ultimi tempi, da persone che, con la madre in esubero, fanno di tutto, e non si parla di esuberi di un giorno ma di giorni o settimane,addirittura, persone che sono arrivate ad avere esuberi di 105 giorni in frigo(licoli) diventati neri, hanno postato le foto, e da cui hanno ricavato altra madre semplicemente rinfrescandola, ora dico, ma è salutare? La carica batterica lattica dove sarà finita e come si sarà trasformata? e la carica acetica, che avrà quella madre, dopo tanta permanenza in frigo non avrà rovinato tutto, e le muffe non si saranno regolarmente formate? La ringrazio anticipatamente e scusi se magari non mi sono espresso correttamente.

Vedi la risposta

Carbone vegetale come Additivo Colorante E153 nel pane, pizza

Buongiorno Dott.ssa volevo sapere se era lecito l'utilizzo del carbone vegetale come colorante E 153 nel pane, pizza, focacce, prodotti da forno. Se Si in quali dosi. Posso utilizzare le informazioni "Pizza più digeribile"? Grazie

Vedi la risposta

Biga eccessivamente matura

Gentile dottoressa quali sono le conseguenze derivanti dall'uso di una biga che per diversi motivi sia maturata eccessivamente grazie.

Vedi la risposta

Pane con la biga

Panificatore per passione Per poter fare il pane utilizzando la biga (farina, acqua al 44-45% della farina e lievito compresso 1% della farina, impastatrice a spirale per 4-5 minuti alla prima velocità) necessita di tempi di maturazione che vanno da 12 a 24 ore a temperatura di 18°, non avendo la possibilità di mantenere costante questa temperatura. Cosa posso fare? Ho letto che si possono adottare degli accorgimenti del tipo mettere la biga in frigo e tirare fuori 4 ore prima dell'impasto oppure lasciare fuori 4 ore e poi mentre in frigo, come riporto dal sito di una marca famosa di farina "Lasciar riposare l'impasto coperto con un canovaccio a temperatura ambiente per 14-16 ore; in estate lasciare la biga 4 ore a temperatura ambiente e per il restante riposo metterla in frigorifero". Queste tecniche possono sopperire all'impossibilità di mantenere la temperatura costate?

Vedi la risposta

pasticcere

Buongiorno dottoressa volevo avere alcune delucidazioni. Quando facciamo un impasto e, a fine impastamento, ho una temperatura della massa di circa 3/4 gradi più alta, cosa comporta in un impasto? Quasi sempre faccio il metodo differito,faccio l'impasto,lo faccio avviare la lievitazione della massa a temperatura ambiente e poi frigorifero. Se capita un inconveniente del genere con una temperatura finale alta lo metto subito nel frigo anzichè fare la puntata? Grazie della risposta

Vedi la risposta

Tenuta impasto pizza

Vorrei utilizzare una farina di GT 00 di qualità, W medio debole 200-240, per un impasto pizza, metodo diretto lungo 30 ore di maturazione in panetti a 5°C circa, di cui 3/4 ore di fermentazione a TA prima della stesura. Se aggiungo il 20% di GT integrale, secondo Lei,riesco a dare a l'impasto più forza per sostenere le 30 ore di maturazione? Grazie saluti.

Vedi la risposta

Pizza Verace Napoletana

Gentile Dottoressa Lauri, le scrivo per chiederle se fosse possibile darmi delle delucidazioni in merito alle specifiche degli impasti per produrre una pizza verace napoletana, che al di là dei vari disciplinari, per me racchiude in se, un alta digeribilità, un disco di pasta molto fine al centro, con dei bordi pronunciati, soffici e molto alveolati. Oltre al metodo di stesura particolare, che spinge aria verso i bordi e la tecnica di cottura al forno a legna a fuoco molto più alto e molto più rapida di quella di una semplice pizza, mi chiedevo se può riassumermi le varie tecniche di impasto. ossia come arrivare a quei determinati risultati sia con un impasto diretto a lievitazione rapida, che con metodi indiretti e/o  a lunga lievitazione, specie anche in relazione alla conservazione in frigo o a T.A. La ringrazio e le porgo i miei saluti.

Vedi la risposta

Lievito di birra negli impasti per panettoni

Buongiorno ho un quesito che mi passa per la testa da qualche giorno da quando sono stato ad un corso per la preparazione dei panettoni. Il docente ha usato sia la madre sia il lievito di birra. A detta sua l'ha usato per velocizzare il processo. La mia domanda è: Nell'impasto dei panettoni devo usare solo la madre o posso fare il "furbetto" e usare anche il lievito di birra fresco?

Vedi la risposta

Farina di grano duro

Buongiorno A un corso abbiamo parlato di farine mi ricordo chiaramente che ci è stato detto che la farina per legge è quella prodotta dalla macinazione del frumento o grano tenero, mentre quando si macina il grano duro si parla di semola ecc ecc. Recentemente ho avuto uno scambio di opinioni con un professore universitario al quale ho fatto notare che su una confezione di grano Saragolla che io sappia essere duro, c'era scritto farina di grano duro. Ora la mia domanda è... ma è semola o farina quella di grano duro? grazie mille per la risposta

Vedi la risposta

Impasto indiretto con Pasta Madre indurito in frigo

Salve Dott. Ho un problema con la bassa temperatura quando utilizzo la Madre. Di solito faccio un'idratazione dell'80% e uso il 30 -35% di Pasta Madre. Dopo una puntata di 2 ore lo ripongo in frigorifero e l'impasto si indurisce fino ad avere la consistenza quasi di una "pasta frolla". Non riesco a capire il motivo. Grazie per la risposta.

Vedi la risposta

Denominazione di vendita: Pane di Tipo 1

Buongiorno Dott.ssa Sono un panificatore e per realizzare qualche tipologia di pane utilizzo come ingredienti (in ordine decrescente): farina di grano tenero Tipo 1, Tipo 2 e una piccola parte di Farina di Tipo integrale. La lavorazione è indiretta con biga fatta con una Tipo 0 W330 - 350. La mia domanda è questa è corretta questa denominazione di vendita: Pane di Tipo 1 in quanto l'ingrediente caratterizzante è la farina di Tipo 1? La ringrazio per la risposta e per il servizio.

Vedi la risposta

Glutine nello stomaco

Buongiorno Dott.ssa volevo porle questa domanda: E' vero che il glutine nello stomaco assorbe acqua e "gonfia"? E' verità o la solita bufala? Grazie a Lei

Vedi la risposta

"Semola rimacinata" di grano tenero.

Buongiorno. Ho aquistato, Semola rimacinata di grano tenero, ovvero Farina tipo 1, mi confonde la dicitura semola rimacinata, esiste semola rimacinata di grano tenero e semola rimacinata di grano duro? Cosa ne pensa? Grazie, Un saluto. Ho letto il suo articolo su "autolisi e idrolisi" è vero ...lo usano in tanti.

Vedi la risposta

"Pane senza lievito": la dicitura è corretta?

Buongiorno dottoressa, gentilmente potrebbe rispondere a una domanda che è oggetto di discussione fra colleghi panificatori. Ecco: Ultimamente ci sono clienti che chiedono il pane senza lievito e un collega ha esposto un cartello con su scritto "pane senza lievito", è corretto? Grazie.

Vedi la risposta

Gluten free impasto per pizza

Sto provando a realizzare una pizza senza glutine, ma non le nascondo di avere un bel po di difficoltà; soprattutto nell' ottenere un prodotto che oltre a rispettare i parametri del gusto, sia anche gradevole all aspetto. I miei problemi maggiori sono nella fase di stesura e lievitazione della pizza. Al di là di ricette, vorrei chiederle se c è un modo per risolvere questi problemi, e se in linea di massima può darmi alcune indicazioni su come procedere, su quale farina conviene usare, su che percentuali di lievito muoversi, e su tempi e modalità di lievitazione.

Vedi la risposta

Maturazione e rigenero a "pirlatura"

buongiorno,volevo chiederle un parere sul grado di tolleranza dell'impasto in lievitazione in frigo,se vado oltre, e il panetto della pizza si spiattella solitamente lo rigenero a "pirlatura" e vado in stesura 2-3 ore dopo. La domanda e: più l'impasto rimane in frigorifero più è digeribile? Inoltre ho notato che in cottura e' leggermente dorata non vorrei che va in carenza di zuccheri. In ultimo volevo sapere se l'impasto poteva andare in frigo dopo la puntata e fare lo staglio dopo anziché prima cosa cambia? Saluti e grazie in anticipo

Vedi la risposta

Percentuale impasto autolitico

Quando parla di utilizzare il 53-55% di impasto autolitico nella prima fase, la percentuale è riferita al peso totale dell'acqua prevista nella ricetta, oppure al peso della farina utilizzata? Grazie.

Vedi la risposta

Percentuale di lievito fresco

Ho letto un suo testo riguardante il lievito di birra. Ne consiglia per un impasto diretto da 3 al 5%. La mia domanda è: per un impasto di 24 ore di maturazione di cui : 1 ora di puntata a temperatura ambiente di 25° Staglio e Formatura dei panetti messi 20 ore a temperatura controllata di 4° 3 ore a temperatura ambiente di 25 gradi poi infornati a 450 gradi. (pizza napoletana). In questo caso, per ottenere la giusta lievitazione, ph, e maturazione, consiglia sempre la quantità di lievito di birra tra il 3% e il 5% sulla farina? Sembra tanto... Grazie

Vedi la risposta

Impasto per pizza

Per fare l'impasto della pizza faccio la biga... su 1 litro di acqua 1.3 Kg di farina x18 ore a temperatura di 18°C. Lievito compresso 1 grammo. Poi le rimanenti farine x un totale di 1.75 Kg, sale 50 grammi e lipidi 50 gr. circa. Riposo 1 ora o 2 e poi staglio. Riposo a + 4°C x 24 - 48 ore con farina 320 W miscelata con altre. È un buon metodo? Mi dica. Grazie anticipatamente.

Vedi la risposta

Impasto croissant

Ciao ho fatto i croissant con il poolish,solo che questa volta ho voluto impastarlo e fargli un velo,l'ho messo tutta la notte in frigo,e poi ho fatto i croissant.. beh rispetto a tante altre volte mi è venuto un impasto fantastico. quindi.. la differenza sarà stata perchè NON ho fatto la classica procedura per il poolish oppure dici che impastandolo si hanno dei benefici?

Vedi la risposta

Fruttosio

Buongiorno Simona Volevo mettere a macerare la buccia di mela in acqua e poi utilizzarla nell'impasto, Il fruttosio incide molto? Grazie a te

Vedi la risposta

Impasti ad alte idro

SALVE BUONASERA,VOLEVO PORRE UNA DOMANDA IN MERITO AGLI IMPASTI CON ALTE IDRO. NEL MIO LABORATORIO IN QUESTI PERIODI CALDI SI PASSANO I 30 GRADI E GLI IMPASTI DIVENTANO INGESTIBILI. VOLEVO SAPERE COME EVITARE CHE SI SURRISCALDINO TROPPO?POSSO USARE ACQUA GELATA E GHIACCIO PER TAMPONARE LE TEMPERATURE? O MI FA DANNO IL GHIACCIO ALL IMPASTO? LA RINGRAZIO ANTICIPATAMENTE FACENDOVI I MIEI PIU SINCERI COMPLIMENTI PER QUESTO MAGNIFICO PORTALE SULL'ALIMENTAZIONE!

Vedi la risposta

Calcolo professionale per pizzaiolo

Buonasera, avrei la necessità di preparare dei panetti da 270 g per 50 pax. Quanta farina devo impastare? Grazie per la risposta e il servizio

Vedi la risposta

Spia di lievitazione

Gentile Simona approfitto della Sua disponibilità per rivolgere una domanda. Premetto che io sono una panificatrice amatoriale con poca esperienza e proprio per questo ogni volta che dovevo infonare il mio pane non capivo mai quando fosse il momento giusto. Leggendo qua e là ho letto che per i grandi lievitati, qualcuno utilizza una "spia di lievitazione" e da profana, parlando con la mia amica ho pensato di provarla anche per il pane e devo dire che ottengo ottimi risultati. Praticamente se stacco una pallina da 20 g dall'impasto e la ripongo in un bicchiere privo di acqua, mi accorgo che quando ha quasi triplicato il suo volume, l'impasto è pronto da infornare. Ora, la domanda é... Come é possibile che due masse da peso e volume completamente diverse si comportino nello stesso modo? (ho ripetuto questo esperimento innumerevoli volte per pensare che sia questione di coincidenza). Mi può fornire, gentilmente, una spiegazione scientifica che mi permetta di capire? La ringrazio!

Vedi la risposta

Maturazione impasto/farina

Volevo farle una domanda a proposito della maturazione della farina. Quali sono secondo lei i tempi ottimali? Si parla sempre di 12 ore o 36 per farine da 250 W ,ci sono sempre pareri discordanti, per lei qual'è la miglior cosa da fare? La ringrazio per la risposta

Vedi la risposta

Screpolature

Buongiorno ho un problema di screpolatura della crosta e il prodotto mi rimane più bianco in forno a platea con tubi a vapore nonostante uso acqua molto fredda ed ho aumentato la percentuale di malto. Secondo Lei è solo dovuto al caldo? Perchè il secondo impasto è diverso.

Vedi la risposta

Pane e Pizza al "Kamut" (BREVETTO o MARCHIO COMMERCIALE)

Mi rivolgo a Voi perchè vorrei finalmente un chiarimento in proposito. Vedo scritto ovunque in etichetta o fuori nei negozi per invogliare la clientela a entrare la dicitura "Pane e/o Pizza al Kamut". Mi scusi ma è corretto? Grazie

Vedi la risposta

Gelatinizzazione del amido. Tang Zhong

Salve dottoressa Lauri, le volevo chiedere informazioni al riguardo del metodo Tang Zhong. L'ho provato e devo dire che da una sofficità unica, ma non ho capito che tipo di lievitazione è? Si tratta di una lievitazione fisica? La ringrazio anticipatamente.

Vedi la risposta

Madre liquida conservazione

Buongiorno, attualmente con le alte temperature ho un problema con la gestione della madre liquida. Posso metterla in frigorifero dopo il rinfresco?

Vedi la risposta